Vai col vento, progetto di educazione ambientale

0

energiaeolicaSensibilizzare studenti e insegnanti sul ruolo che le giovani generazioni possono attivamente assumere nel contribuire alla salvaguardia dell’ambiente e allo sviluppo di una cultura della sostenibilità in ambito energetico. E’ questo lo scopo di ERG Renew Spa che ha avviato in Puglia il progetto di educazione ambientale ‘Vai col Vento! 2015’. L’iniziativa, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, coinvolge circa 1.500 studenti delle regioni (Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) nelle quali sono installati i parchi eolici della multinazionale italiana operante nel settore di mercato delle energie rinnovabili.

Da oggi e fino al 17 aprile gli studenti di terza media dei Comuni di Troia, Castelluccio dei Sauri, Orsara di Puglia e Motta Montecorvino affrontano in classe lezioni sulle fonti di energia rinnovabile, tematiche ambientali, efficienza energetica, cui segue il contatto diretto con gli impianti di produzione di energia rinnovabile.

Il format, introdotto questa mattina a Troia da Marcella Mignosa e Dario Scavone dell’ufficio stampa e relazioni esterne di Erg, ha interessato gli studenti delle classi terze A e B dell’istituto scolastico ‘Virgilio’. I giovani allievi, dopo aver appreso informazioni sui sistemi di energia, cambiamento energetico, funzionamento dei rotori, si sono recati in visita guidata nel parco eolico troiano entrando in diretto contatto con gli impianti. Il tecnico specializzato Rocco Rescia ha illustrato le turbine e le differenti fasi di attività, dalla progettazione e realizzazione alla produzione e distribuzione dell’energia elettrica.

Numerosissime le domande dei ragazzi, che dimostrano grande interesse e sensibilità ai temi ambientali. Stimolanti le opere degli studenti che partecipano al concorso di idee sul tema dell’energia del vento: modellini di case, ambienti, pale eoliche, realizzate con materiali riciclati. Creatività espressa anche con  foto, video, disegni, cartelloni e articoli.

Comments are closed.