Fiera di Foggia, pubblicato l’avviso pubblico per la manifestazione di interesse alla sottoscrizione del capitale sociale

0

fieradifoggiastoricoIn esecuzione della Legge Regionale 09.03.2009 n. 2  recante norme sulla “Promozione e sviluppo del sistema fieristico regionale”, sul sito ufficiale dell’Ente Fiere di Foggia, www.fierafoggia.it, è stato pubblicato l’avviso pubblico per la manifestazione di interesse alla sottoscrizione del capitale sociale della costituenda società di gestione dell’attività fieristica nel quartiere di Foggia, “Foggia Fiere s.r.l.”.

La società riceverà in gestione, trentennale, alcune aree coperte e scoperte del quartiere fieristico, meglio identificate nella planimetria allegata all’avviso pubblico.

La Società “Foggia Fiere” s.r.l. avrà come oggetto sociale la realizzazione, sulle aree ricevute in gestione dall’Ente Autonomo Fiera di Foggia, di attività riguardanti le manifestazioni fieristiche come definite all’art. 2 della L.R. 2/2009, l’attività di congressi, convegni ed eventi, esposizioni, mostre, servizi per la promozione del commercio internazionale e degli scambi, attività di valorizzazione delle produzioni locali, attività in campo culturale, cinematografico, musicale, teatrale, televisivo, editoriale, multimediale, attività educative, formative, divulgative, attività di ristorazione e di intrattenimento di qualità, sedi di istituzioni nazionali ed internazionali, sedi istituzionali e di organizzazioni di rappresentanza, o combinazione degli stessi, nonché attività sportive o ricreative, ed infine attività di produzione o scambio di servizi in genere.

Tutte le attività su elencate potranno essere svolte compatibilmente con le specifiche disposizioni normative e regolamentari nazionali, regionali e comunali, e segnatamente di quelle in materia edilizia, urbanistica, commerciale.

Il capitale sociale ammonterà ad € 500.000 (cinquecentomila).

Ciascun offerente può manifestare interesse a sottoscrivere quote di partecipazione individuale nella misura minima del 2% e nella misura massima del 90% del capitale sociale, per multipli di 2%.

Una apposita Commissione, nominata dal Presidente dell’Ente Autonomo Fiera di Foggia dietro indirizzo del Consiglio di Amministrazione, procederà, alla valutazione delle manifestazioni di interesse pervenute secondo i seguenti criteri e pesi:

  1. valutazione delle performance e dei risultati economici         15      %
  2. profilo tecnico / funzionale                                              22      %
  3. quantità di capitale sociale opzionato                                 63      %

In particolare, per la Valutazione delle performance e dei risultati economici saranno valutati i seguenti parametri:

  1. percentuale di utili su fatturato negli ultimi tre anni
  2. percentuale di investimenti su fatturato negli ultimi tre anni
  3. capacità di autofinanziamento (indebitamento netto su capitale sociale)

 

La Valutazione del profilo tecnico e funzionale riguarderà l’esperienza del soggetto che manifesta interesse in relazione alla qualificazione tecnica, finanziaria e organizzativa sulla base delle relative esperienze pregresse maturate in analoghe o comparabili esperienze di gestione, derivanti anche da attività di natura diversa da quella oggetto dell’avviso, purché risulti attestata la capacità in termini gestionali e di marketing del proponente stesso.

Saranno oggetto di valutazione i seguenti requisiti di carattere economico/finanziario e tecnico organizzativo:

  1. fatturato medio relativo alle attività analoghe svolte negli ultimi tre anni
  2. svolgimento negli ultimi tre anni di servizi almeno affini a quello oggetto

dell’avviso

 

Ed infine la Valutazione della quantità di capitale sociale opzionato attribuirà 1,4 punti percentuali per ogni quota del 2% di capitale sociale opzionato, sino ad un massimo del 63%.

 

Le manifestazioni di interesse dovranno pervenire, a mezzo di raccomandata, presso la sede dell’Ente Autonomo Fiera di Foggia entro le ore 12,00 del giorno  31 marzo 2015.

 

Costituita la società “Foggia Fiere” s.r.l. l’Ente Autonomo Fiera di Foggia stipulerà con la stessa un contratto di concessione di parte delle aree coperte e scoperte del quartiere fieristico, ai patti ed alle condizioni indicate nello “Schema del Contratto di Concessione” allegato all’avviso pubblico.

La durata della concessione, come detto, sarà di trenta anni ed il canone annuo è stato determinato in € 500.000.

Il canone annuale sarà ridotto in misura pari ad euro 25.000 annue per ogni risorsa umana acquisita, con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, dalla pianta organica dell’Ente Fiere di Foggia.

Tale riduzione del canone sarà revocata nel caso in cui, per qualsiasi ragione, i rapporti di lavoro del personale acquisito dall’Ente Fiere saranno risolti.

 

L’attività fieristica – ha dichiarato Fedele Cannerozzi, Presidente dell’Ente Fiera – pur avendo indubitabili riflessi di natura pubblicistica, costituisce una vera e propria attività industriale che, al pari di tutte le attività imprenditoriali, necessità, per poter essere esercitata efficacemente e per poter generare profitto, di investimenti che la proprietà pubblica (che pure ha assicurato la sua contribuzione alle spese generali di funzionamento e che certamente continuerà ad assicurarla anche in futuro) non ha potuto assicurare in ragione delle sempre più stringenti condizioni di bilancio in cui versano gli Enti territoriali di riferimento dei sistemi fieristici. Bene ha fatto, dunque, la Regione Puglia a riordinare il sistema fieristico pugliese orientandolo ad un approccio industriale ed imprenditoriale, l’unico in grado di mantenere e rilanciare il ruolo indiscutibilemte centrale del quartiere fieristico per il sostegno e la promozione della nostra economia e del nostro territorio.

La legge regionale di riordino del sistema fieristico pugliese – continua Cannerozzi – consentiva molteplici opzioni per addivenire alla privatizzazione dell’attività fieristica. L’Ente Autonomo Fiere di Foggia ha optato per una modalità che da un lato garantisse che il patrimonio resti di proprietà pubblica, e dall’altro che consentisse a singoli investitori o a cordate degli stessi di conferire i capitali indispensabili per un reale rilancio dell’attività fieristica nel nostro territorio di Capitanata.

Sono certo – ha concluso il Presidente dell’Ente Fiera – che non mancheranno manifestazioni di interesse ad investire nel nostro quartiere e non solo perché mi attendo che il territorio, nelle sue articolazioni istituzionali, associative ed imprenditoriali, si attiverà per salvaguardare e per rilanciare nella sua funzione un pezzo assai significativo della sua storia, ma anche e soprattutto perché una attenta valutazione della proposta di concessione e delle infrastrutture offerte convincerà i possibili investitori della capacità del nostro quatiere fieristico di produrre reddito e di remunerare adeguatamnte il capitale investito”.

Comments are closed.