A Bari si parla di: “Ultime frontiere della ricerca nazionale nel campo dell’Idraulica”

0

erosionecoste1Bari – 400 iscritti, provenienti da tutta Italia; oltre 400 contributi scientifici distribuiti in 30 sessioni; 4 sessioni plenarie; 1 simposio; 2 premi nazionali e 5 dedicati alle migliori ricerche selezionate; 3 giorni appositamente dedicati, per presentare a Bari le ultime frontiere della ricerca nazionale nel campo dell’Idraulica, in occasione del XXXIV Convegno nazionale di Idraulica e Costruzioni idrauliche, “IDRA’14”.

Erosione delle coste italiane (e pugliesi), gestione delle risorse idriche, difesa del territorio dalle piogge e allagamenti, idraulica marittima e costiera; sistema portuale e tutela ambientale; acquedotti e fognature; acqua e agricoltura; energia (onde e correnti marine, eolico off-shore), sono alcuni degli attualissimi temi a cui la ricerca scientifica è chiamata a rispondere con soluzioni e applicazioni. Nelle sessioni plenarie, i massimi esperti del settore si confronteranno con i rappresentanti degli Enti territoriali e delle principali agenzie nazionali (Regioni, Autorità di Bacino, ISPRA, AQP, ecc.) per affrontare al meglio le sfide del futuro e garantire sicurezza ai cittadini e tutela dell’ambiente.

L’evento, che si ripete a cadenza biennale dal lontano 1947 a testimonianza della tradizione accademica italiana nel settore, rappresenta per Bari un prestigioso ritorno dopo 44 anni. La XII edizione si tenne infatti proprio a Bari nel 1970. Ciò non a caso: la facoltà di Ingegneria, ha costituito da sempre un prestigioso avamposto per gli studi di settore e di esperienze esportate sul campo.

Con il titolo: “l’ingegneria Idraulica Italiana verso HORIZON 2020” (nuovo programma di finanziamento della Commissione europea 2014-2020), il convegno è organizzato dal  Gruppo Italiano di Idraulica e dal Politecnico di Bari.

La cerimonia d’apertura avrà luogo, lunedì, 8 settembre, ore 9:30, nell’aula magna “Attilio Alto” (campus universitario) e proseguirà fino al 10. Interverranno per l’apertura dei lavori: Nichi Vendola, Presidente Regione Puglia; Eugenio Di Sciascio, Rettore del Politecnico di Bari; Francesco Schittulli, Presidente Provincia di Bari;  Antonio Decaro, Sindaco di Bari; Antonio Castorani, Direttore del dipartimento DICATECh del Politecnico. Per gli interventi programmati: Angela Barbanente, Vice-presidente Regione Puglia; Aurelia Sole, Rettore Università della Basilicata; Nicola Costantino, Amministratore Unico AQP.

Contestualmente all’evento, verrà allestita e presentata un’area espositiva nei pressi dell’aula magna “Attilio Alto” (campus universitario) a cui parteciperanno enti pubblici e privati. La vetrina espositiva inoltre, ospiterà i progetti europei attinenti ai temi del convegno.

Al Convegno infine, è abbinato lo short course IDRA’14, organizzato in collaborazione con il Consiglio Nazionale degli Ingegneri e l’Ordine degli Ingegneri di Bari sulle tematiche di maggiore attualità che riguardano il mondo dell’Acqua e della tutela idraulica del territorio. Il corso da’ diritto all’acquisizione di 9 crediti formativi professionali.

Comments are closed.