Laureato UniFg “adottato” dalla Scuola archeologica italiana di Atene

0

GiuseppeRignaneseIl concorso per allievi bandito dalla prestigiosa Scuola archeologica italiana di Atene (in palio c’erano quattro borse di studio) è stato vinto, tra gli altri, anche da Giuseppe Rignanese: ex studente dell’Università di Foggia che lo scorso novembre ha conseguito la laurea magistrale in Archeologia. Di origini manfredoniane, Rignanese iscrive così il suo nome in una lista in cui sono comparsi, negli anni, alcuni dei più apprezzati esponenti dell’archeologia mondiale. Unico istituto di ricerca italiano all’estero, la Scuola archeologica italiana di Atene (dagli addetti ai lavori indicata per brevità solo “Scuola di Atene”) è stata fondata nel 1909 e rappresenta un punto di riferimento universale per le attività di studio e ricerca che attengono alla Grecia antica o più estesamente all’archeologia del Mediterraneo: ragione per cui il riconoscimento attribuito a Giuseppe Rignanese rappresenta ancor di più un successo significativo. «Un successo che gratifica tutto il Dipartimento – spiega il direttore del Dipartimento di Studi umanistici. Lettere, Beni culturali, Scienze della formazione prof. Marcello Marin – la cui attività di preparazione e formazione degli allievi ha raggiunto livelli di assoluta eccellenza. Ma si tratta di uno straordinario risultato – aggiunge Marin – anche per i docenti di Archeologia, che mettono a disposizione degli studenti attività formative e di ricerca veramente di alto profilo. La speranza è che questi exploit, magari anche in altre discipline e specialità del Dipartimento, possano essere ripetuti con maggiore frequenza, per testimoniare ancora meglio il livello di competitività conseguito dalla piccola comunità accademica di cui mi onoro di essere il direttore». Laureatosi in Archeologia greca sotto la guida e il coordinamento del prof. Riccardo Di Cesare (docente di Archeologia classica per l’appunto nel Dipartimento di Studi umanistici dell’Università di Foggia), Rignanese ha dunque meritato uno dei quattro contesi posti in palio assicurandosi una borsa di studio per la specializzazione in Beni archeologici: ogni anno, all’attribuzione di questo importante esito, concorrono laureati provenienti da tutte le Università italiane. «A Giuseppe Rignanese giungano i migliori auguri di tutto l’Ateneo – ha dichiarato il Rettore prof. Maurizio Ricci – per una brillante carriera futura, nella speranza che si aprano per lui spiragli che possano da un lato assecondare la passione naturale per l’antico dall’altro mettere alla prova le capacità intellettuali e professionali che lo hanno portato ad entrare nella prestigiosa Scuola archeologica italiana di Atene. Davvero molto felici per la sua affermazione, speriamo che diventino sempre più frequenti le occasioni in cui saremo chiamati a complimentarci coi nostri studenti o laureati».

Comments are closed.