Scienze della Formazione, a Foggia si studia anche a distanza

0

unifg2Per l’anno accademico 2015/16 l’Università di Foggia sarà una delle prime, in tutta Italia, ad adottare il sistema d’insegnamento misto denominato Blended. Si tratta di una metodologia didattica decisamente all’avanguardia, in grado di soddisfare in modo esaustivo le molteplici esigenze degli studenti: attraverso il metodo Blended sarà possibile, per tutti gli studenti, partecipare alle lezioni in presenza (cosiddette “frontali”, da docente a discente) ma anche seguire da casa o altrove alcuni insegnamenti del corso di laurea in “Scienze dell’Educazione e della Formazione” attraverso il collegamento ad una piattaforma e-learning, appositamente progettata, in cui saranno rese disponibili risorse didattiche e digitali che consentiranno lo studio e la preparazione agli esami.

Il progetto risponde efficacemente ad alcune specifiche richieste: oltre agli studenti lavoratori, l’Università in questo modo si avvicina sempre di più agli studenti con bisogni speciali che, per diversi motivi, non possono raggiungere agevolmente la sede fisica del corso di laurea. «Teniamo particolarmente a promuovere questo progetto – dichiara il delegato alla Didattica dell’Università di Foggia, prof. Pierpaolo Limone – poiché si tratta di una interessante opportunità che coniuga i servizi dell’Ateneo foggiano con la professionalità dei nostri docenti per rispondere ai bisogni degli studenti attraverso i media digitali». Attraverso l’utilizzo della piattaforma e-learning sarà possibile promuovere spazi di interazione tra i partecipanti al fine di condividere conoscenze e informazioni utili. Gli strumenti del Blended, oltre a superare le barriere spazio-temporali che spesso impediscono una preparazione rispondente alle necessità e alle esigenze individuali, rendono flessibili e personalizzabili i percorsi formativi valorizzando gli stili di apprendimento e le competenze pregresse di ciascuno. Infine, come tiene a puntualizzare il prof. Pierpaolo Limone, «la particolare novità di questa proposta per gli studenti è che l’utilizzo del servizio non comporterà alcun contributo aggiuntivo rispetto alle ordinarie tasse di iscrizione né alcuna modifica di regolamento del corso di studi».

Per quest’anno accademico tale proposta è limitata al corso di laurea triennale in “Scienze dell’Educazione e della Formazione”, tuttavia non si esclude che nell’immediato futuro possa essere estesa anche agli altri corsi di laurea che fanno parte dell’offerta formativa dell’Ateneo.

Comments are closed.