Sindacati: Sbloccare i lavori per il raddoppio ferroviario Foggia-Caserta-Napoli

0

foggia11Un incontro urgente sulla situazione di stallo del cantiere per la realizzazione del raddoppio della linea ferroviaria Napoli-Caserta-Foggia, lungo la tratta Bovino – Cervaro. E’ quanto chiedono le segreterie territoriali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, che a tal fine hanno inviato una lettera al Prefetto di Foggia, Luisa Latella, al Commissario Straordinario Daniela Saitta, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, all’Impresa Rabbiosi Spa, all’Italferr ed all’Assessorato Regionale ai Lavori Pubblici della Regione Puglia.

I segretari generali di Feneal, Filca e Fillea di Foggia, Juri Galasso, Urbano Falcone e Giovanni Tarantella, auspicano una rapida riapertura di un tavolo di confronto istituzionale al fine di ristabilire le condizioni necessarie alla realizzazione di un’opera strategica per il sistema infrastrutturale di Capitanata, i cui lavori sono ormai fermi da oltre un anno. La richiesta di un sollecito intervento, auspicato dai sindacati di categoria, nasce inoltre dalla necessità di salvaguardare i lavoratori coinvolti nella vertenza che rischiano di rimanere senza un lavoro, andando definitivamente ad ingrossare il già numeroso esercito dei disoccupati di Capitanata.

Inoltre, Feneal, Filca e Fillea accolgono positivamente le dichiarazioni rilasciate dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi, al quotidiano “La Stampa” del 23 giugno 2014, con le quali ha affermato di ritenere la linea ferroviaria ad Alta Velocità Napoli – Bari una delle “due opere assolutamente prioritariamente” su cui puntare, unitamente alla Brescia – Padova.  Al fine di dare un segnale molto forte, “consentendo la cantierizzazione della linea prima possibile”, come auspicato dallo stesso Lupi, i sindacati delle costruzioni assicurano massima disponibilità e collaborazione ed invitano in Capitanata il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti “affinché possa intervenire personalmente per sbloccare una situazione da cui dipende gran parte delle possibilità di rilancio infrastrutturale del territorio, oltre che il destino di numerosi lavoratori foggiani”.

Comments are closed.