Geodiversità in Puglia: aspetti normativi, tutela e valorizzazione

0

Parco-GarganoOggi, presso la sede dell’Ente Parco, si terrà il Seminariosulla geodiversità in Puglia: aspetti normativi, tutela e valorizzazione, attività compresa nel Progetto Geositi della Puglia.

Obiettivo del Progetto è quello di far conoscere questo patrimonio al fine di poterlo valorizzare sia nei processi di pianificazione territoriale sia per lo sviluppo locale dei territori. In particolare sono stati schedati nelle aree protette pugliesi 440 geositi ed emergenze geologiche, molti dei quali ricadono nel territorio del Parco Nazionale del Gargano.

I geositi consentono di integrare le bellezze paesaggistiche, culturali, architettoniche e  storiche dei territori e, allo stesso tempo, ampliare l’offerta turistica locale.

Questi beni geologici che costituiranno il catasto dei geositi della Regione Puglia potranno essere inseriti nei percorsi turistici dell’area Parco e favorire il processo di istituzione/riconoscimento del Parco del Gargano quale GeoParco.

Un Geoparco  è un’area dai confini ben definiti, con un patrimonio geologico significativo e speciale per rarità, interesse scientifico, richiamo estetico e valore educativo. La sua identità è strettamente legata alla geologia, ma sono importanti anche il patrimonio naturale, culturale, archeologico, ecologico, storico e culturale. In buona sostanza il Geoparco è un tipo di parco che nasce dall’ idea di trasformare la natura in risorsa economica. A differenza dei parchi naturali non pone vincoli sul territorio. In un Geoparco la tutela del patrimonio geologico si trasforma in opportunità di sviluppo locale. E’ un territorio che possiede un particolare patrimonio geologico e nel quale è stata avviata una strategia di sviluppo sostenibile. Presupposto per la realizzazione di un Geoparcoè il supporto della popolazione locale ed il coinvolgimento sia delle autorità pubblica, sia degli interessi privati, in un efficace collaborazione multidisciplinare.

“Un Geoparco – sostiene il Presidente, Avv Stefano Pecorella – è una opportunità da non perdere e deve coinvolgere tutti i principali attori di questo settore per centrare l’obbiettivo. Questa candidatura è la risposta concreta da parte di chi ama la propria terra.

Per il Garganopuò rappresentare non solo uno strumento per tutelare le risorse ambientali e culturali, ma anche per lo sviluppo locale ed il turismo. Una nuova sfida ci attende: vogliamo essere il primo Geoparco del Mezzogiorno.

Affronto questa sfida con la consapevolezza che i nostri siti carsici, le nostre grotte e le nostre doline sono tra i pochi apoter essere visitati. Un Geoparco – ha aggiunto il Presidente Stefano Pecorella – non è un vincolo , ma elemento di valorizzazione che sconfigge l’isolamento e reprime i reati ambientali (discariche abusive, tagli boschivi ecc..), perché crea sviluppo. Il compito dell’Ente Parco è quello di rendere fruibile il proprio patrimonio. Dunque, il Geoparco è ulteriore presidio alla bellezza del territorio, uno stimolo in più ad aggregare i vari tipi di offerta ed incentivare turismo alternativo.”

Comments are closed.