San Severo, il comune presenta il progetto “Eco_Educazione: La Storia che alimenta”

0

agroalimentareIl Comune di San Severo con il progetto “Eco_Educazione: La Storia che alimenta” si è candidato a ricevere i contributi finanziari a sostegno di progetti in campo agricolo, alimentare, forestale e della pesca e dell’acquacoltura connessi alle finalità dell’evento Expo Milano 2015 partecipando al bando pubblicato dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali per un finanziamento di 150 mila euro.

Ad annunciarlo il Sindaco Francesco Miglio e il Vice Sindaco e assessore all’Agricoltura e alle Attività Produttive, Francesco Sderlenga.

“L’azione progettuale di sviluppo approvata dalla Giunta – spiega il Sindaco Francesco Miglio – è finalizzata alla riscoperta dei valori legati alla ruralità del territorio, ai mestieri agricoli, alle produzioni tipiche e ad un’educazione alimentare eco-consapevole. Inoltre le finalità dei finanziamenti ministeriali risultano pertinenti con i programmi di valorizzazione territoriale previsti dall’Amministrazione Comunale”.

Gli obiettivi specifici del progetto sono stati illustrati dal Vice Sindaco, Francesco Sderlenga. “Il progetto candidato dall’Amministrazione – continua il Vice Sindaco, Francesco Sderlenga – è finalizzato ad offrire una attività didattica di educazione alimentare per la popolazione e a migliorare l’offerta culturale del territorio sia sul piano quantitativo con l’introduzione di innovativi itinerari ed eventi promozionali, sia sul piano qualitativo garantito dalla professionalità di specialisti del settore. Inoltre è finalizzato a proporre un’offerta culturale ampia”.

Il progetto vedrà il Mat, Museo dell’Alto Tavoliere, sede di laboratori didattici legati alle tradizioni del mondo agricolo e alla conoscenza degli antichi mestieri e dell’architettura rurale (Enosapiens, Sulle strade dei pastori, Sapori d’inverno: l’olio, Voglio fare …l’agricoltore, Dal chicco …al pane e Un giorno in masseria); di Educational tour legati all’educazione alimentare e della conoscenza storica del territorio agricolo; di workshop didattici di educazione alimentare (Cantine diVine, Oil Camp e Storie d’Oro)  che vedranno protagonisti anche cantine e frantoi; di percorsi di educazione al “senso” alimentare destinati agli adulti (Profumi del mondo antico e Cooking Show) e di iniziative culturali che vedranno protagonista il territorio rurale, le sue tradizioni e i prodotti agricoli.

“Attendiamo fiduciosi – conclude il Vice Sindaco Francesco Sderlenga – che il progetto venga finanziato per avviare da subito un percorso nuovo di valorizzazione dell’agricoltura locale e dei suoi prodotti tipici, con un percorso di educazione alimentare che si ripercuoterà sui consumi favorendo i prodotti locali e a km zero”.

Comments are closed.