LE CORBUSIER. Le sue opere patrimonio mondiale dell’Umanità, apputamento a Lucera

0

l 17 luglio 2016, l’UNESCO, con la motivazione: “Un approccio innovativo, che ha influenzato profondamente il XX secolo, cercando di rispondere alle esigenze della società moderna”, ha riconosciuto le seguenti diciassette opere di Le Corbusier, pseudonimo di Charles-Edouard Jeanneret-Gris (La Chaux-de-Fonds, 1887 – Roccabruna, 1965) PATRIMONIO MONDIALE DELL’UMANITÀ:

1) Ville Le Lac a Couseaux (Svizzera) 1923;

2) Cabanon di Le Corbusier a Roquebrune-Cap Martin (Francia) 1951;

3) Immeuble Molitor a Parigi (Francia) 1931;

4) Citè Fruges a Pessac (Francia) 1924;

5) Il convento di Sante Marie de la Tourette a Eueux (Francia) 1953;

6) Immeuble Clarté a Ginevra (Svizzera) 1930;

7) Maison Guiette ad Anversa (Belgio) 1926;

8) Maison La Roche-Jeanneret a Parigi (Francia) 1923;

9) Museo nazionale di arte occidentale a Tokyo (Giappone) 1953;

10) La Cappelle di Notre Dame du Haut di Rochamp (Francia) 1950;

11) La maison de la Culture di Firminy (Francia) 1953.

12) Unité d’Habitation a Marsiglia (Francia) 1945;

13) Manifattura Claude et Duval a Saint-Dié (Francia) 1946;

14) Maison du docteur Curutchet a La Plata (Argentina) 1946;

15) Haus der Weissenhof-siedlung a Stoccarda (Germania) 1927;

16) Il palazzo dell’assemblea di Chandigarh (India) 1952;

17) Ville Savoye a Poissy (Francia) 1928.

Per festeggiare tale ricorrenza, il Club per l’UNESCO di Lucera (FG), presieduto dall’arch. Carmine Altobelli, in collaborazione con la Città di Lucera e con l’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Foggia, ha organizzato, presso la Nuova Biblioteca Comunale “Ruggero Bonghi” di Lucera (ex convento del SS. Salvatore) una mostra (INTERIOR EXHIBITION), aperta al pubblico nei giorni, 22 e 23 settembre 2017, dalle ore 18,00 alle ore 20,00 e un convegno inaugurale (“LE CORBUSIER. Le sue opere patrimonio mondiale dell’Umanità) in programma, nella stessa sede, il 21 settembre 2017 alle ore 18,00.

L’evento culturale gode del patrocinio della Provincia di Foggia, della Regione Puglia e della Federazione Italiana dei Centri e dei Club per l’UNESCO.

La conferenza inaugurale, introdotta dal prof. Antonio Riondino (Dipartimento di Scienze dell’Ingegneria Civile e dell’Architettura del Politecnico di Bari) sarà tenuta dagli architetti FRANCO PURINI e LAURA THERMES. Alla stessa prenderà parte la prof.ssa Maria Paola Azzario, Presidente della Federazione Italiana Club e Centri per l’UNESCO, vice-presidente della Federazione Europea Club e Centri per l’UNESCO e Componente del Consiglio esecutivo della Federazione Mondiale Club e Centri per l’UNESCO.

Comments are closed.